Accedi o registrati

Sei un nuovo utente? Registrati

Hai un account su un social network? Accedi con il profilo che preferisci


Hai un account CrazyForSport o Gioca?

INTERVISTE

20/12/2015
La Domenica Gialloverde - Numero 5

L'INTERVISTA/IN TRE TOCCHI…
 
DARIO MAINIERI
 
Nato a Polla (Salerno) il 7 gennaio 1991, Dario Mainieri vive a Rotonda. Ha conseguito la licenza liceale presso il Liceo Scientifico di Rotonda e sta per terminare il percorso di studi presso l'Università "Parthenope" di Napoli, alla facoltà di Scienze Motorie. Ama viaggiare per scoprire nuovi posti e imparare nuove cose. "La mia famiglia e la mia fidanzata -ci confida Dario- occupano un posto speciale nella mia vita, così come i veri amici". Cresciuto calcisticamente nell'A.S.D. Rotonda Calcio vi ha giocato dall'età di 6 anni, percorrendo tutta la lunga trafila delle giovanili. Poi, è nel 2009/2010, nell' U.S. Castelluccio, in seconda categoria, quindi, di nuovo a Rotonda, dalla seconda categoria alla Promozione. Nel dicembre 2012 passa all'A.S.D. Viggianello, in seconda categoria, e vi rimane fino ad oggi.
Sei di Rotonda, però, a Viggianello hai trovato la tua dimensione ideale. Cos'è accaduto di tanto sconvolgente?
Ho trovato un gruppo che mi accolto benissimo, dal primo momento che ho messo piede nello spogliatoio. E man mano è cresciuta, sempre più, la stima reciproca con i compagni. Siamo una vera famiglia!
Cosa ti ha insegnato la lunga assenza dal calcio giocato?
Ad avere tanta pazienza. Non è per nulla facile vedere i tuoi compagni dalla tribuna a causa di un maledetto infortunio. Ovviamente, preferisco soffrire in campo, al loro fianco, piuttosto che dal di fuori.
Nel Viggianello di quest'anno si è sentita molto la tua assenza. Quando tornerai a dare il tuo apporto all'attacco gialloverde?
Spero, con continuità, dall'inizio del nuovo anno. Cercherò di sfruttare la pausa natalizia per concludere le cure e prepararmi al meglio, in vista del girone di ritorno. Anche se i miei compagni di reparto, finora, si sono ben distinti in campo. Su tutti il mio amico Antonio Olivieri che, quest'anno, non sbaglia un colpo!