Accedi o registrati

Sei un nuovo utente? Registrati

Hai un account su un social network? Accedi con il profilo che preferisci


Hai un account CrazyForSport o Gioca?

INTERVISTE

13/03/2016
La Domenica Gialloverde - Numero 9

L'INTERVISTA/IN TRE TOCCHI…
 
DIEGO MORELLI
 
Nato il 10 dicembre del 1996 a Castrovillari (Cosenza), Diego Morelli vive a Laino Castello (Cosenza) e lavora saltuariamente, come cameriere. Attualmente single, Diego considera come occupazione principale l'università. Frequenta, infatti, da matricola, la Facolta di Scienze motorie a Salerno. Calcisticamente è cresciuto nell'Us Castelluccio, dove ha militato per cinque anni, con un'interruzione di un anno, trascorso nei giovanissimi del Rotonda Calcio. Poi, è passato alla juniores dello Sporting Lauria, di mister Massimo Crescente, collezionando anche qualche apparizione in Promozione, sempre nello Sporting, con mister Oliva. In seguito, è tornato a Rotonda dove ha giocato con la juniores e con la prima squadra e, infine, lo scorso anno è arrivato al Viggianello.
Sei un elemento di spicco dell'attacco gialloverde. Come si vede meglio il Viggianello, dalla panchina o dal campo.
Sicuramente si vede meglio dal campo, anche perchè, per come sono fatto io, soffro a vedere da fuori i miei compagni lottare e non poter dare loro una mano!
In chiave promozione, con l'Anzi che a Grumento ha "scavato" un solco tra sè e le inseguitrici, pensi che i giochi siano fatti?
L'Anzi sabato scorso ha dato un bel segnale al campionato ma, finche la matematica lo concede, il campionato ancora non è chiuso.
Qual è il tuo sogno nell'armadietto dello spogliatoio dell'Aldo Moro?
II mio sogno, da attaccante, è quello di segnare ancora tantissimi gol con questa maglia, per raggiungere grandi traguardi e regalare tante gioie a tifosi e società!
 
 
GIOVANNI PETILLO
 
Nato a Sapri (Salerno), il 20 ottobre 1998, Giovanni Petillo è single e frequenta il quarto anno al Liceo Scientifico di Rotonda. L'esordio calcistico è avvenuto nella stagione 2010/2011, nel corso della quale ha disputato la sua prima stagione con i "giovanissimi" dell'Asd Viggianello. Nel 2011/2012, sempre con la maglia gialloverde, nello stesso torneo, ha realizzato 2 gol. L'anno successivo, 2012/2013, è passato al Rotonda Calcio, dove ha disputato i campionati Giovanissimi e Allievi segnando 4 gol. Nel 2013/2014 è tornato con l'Asd e ha disputato il cam-pionato di Seconda categoria. Nel 2014/2015, sotto la guida di Mister Crescente, ha fatto parte del gruppo che è giunto secondo, nel girone C di Seconda categoria, segnando un gol e aggiudicandosi la Coppa Basilicata. Il resto è storia recente. Giovanni è un esterno di centrocampo che, all'occorrenza, diventa esterno d'attacco o seconda punta.
Cosa vuol dire, per te, indossare la maglia dell'ASD Viggianello?
Vuol dire tanto. È una questione di orgoglio. Almeno per il momento, non riuscirei a vedermi con un'altra maglia addosso.
Qual è la forza di questo gruppo e dove può arrivare?
Sicuramente, oltre alla grande società che abbiamo alle spalle, l'unione che c'è tra noi giocatori è la vera forza. Non mi piace prefissare qualche obiettivo ma, sono sicuro, che ognuno di noi sa che dovrà dare tutto quello che ha, fino all'ultimo minuto di questo campionato.
Da filmaker, se dovessi raccontare il Viggianello in un video, con quale sequenza inizieresti?
Inizierei con una scena di vita quotidiana. Di quando, ad esempio, ci ritroviamo al di fuori del campo. Prima che una squadra siamo una grande famiglia.